Frau & Herz » Home
 

Emergenza ictus cerebrale

Analogamente all’infarto cardiaco, anche l’ictus cerebrale invia qualche volta le prime avvisaglie ore o giorni prima. I segni premonitori possono essere i cosiddetti «mini-ictus», definiti come deficit circolatori passeggeri o attacchi ischemici transitori (TIA, dall’inglese transient ischemic attacks) che, a differenza dell’ictus cerebrale «vero e proprio», durano solo pochi minuti. I sintomi tipici sono, per esempio, fugaci disturbi della vista o una breve paralisi di un braccio ad insorgenza improvvisa.

Tali sintomi d’allarme sono solo di breve durata, ma si consiglia di prenderli sul serio e di recarsi immediatamente dal medico o in ospedale, perché spesso precedono di poco l’ictus cerebrale «vero e proprio».

Come riconoscere un ictus cerebrale?

Un ictus cerebrale è caratterizzato da uno o più dei sintomi seguenti:

  • debolezza improvvisa, paralisi o disturbi della sensibilità, per lo più a un lato del corpo (volto, braccio o gamba);
  • cecità improvvisa (spesso solo un occhio), visione doppia;
  • perdita improvvisa della capacità di parola o difficoltà di comprensione di quanto viene detto;
  • violenta vertigine rotatoria associata a incapacità di deambulazione;
  • insolito mal di testa intenso e improvviso.

Cosa fare? Telefoni al numero di emergenza (144) o faccia telefonare da una persona vicina.

Il test FAST potrà facilitare la „diagnosi“ ai profani